Voucher e Corridoi Turistici 2021/2022

Caro Cliente, di seguito riportiamo le informazioni relative alla gestione di Scam viaggi dell’emergenza COVID-19 al fine di tutelarti in questo momento particolare, caratterizzato da uno scenario mutevole.

Organizzazione di Viaggi con data di partenza entro il 30 settembre 2020

Ai sensi dell’art. 182 della Legge Numero 77 del 17/07/2020, di conversione del D.L. 34/2020 Scam Viaggi in qualità di organizzatore ha emesso un voucher di valore pari alle somme ricevute dal viaggiatore/contraente del contratto di Viaggio in esecuzione del mandato che il Viaggiatore le ha conferito per recessi esercitati entro il 31 luglio 2020 (comma 11, art. 182 della legge 17 luglio 2020, n. 77) e successiva legge dal 21 Maggio 2021 numero 69 (modifica dell’articolo 88-bis del decreto-legge 17 marzo 2020 che ha  portato l’estensione della validità dei voucher da 18 a ventiquattro mesi ) .

L’emissione dei voucher a seguito di recesso esercitato entro il 31 luglio 2020 non ha richiesto alcuna forma di accettazione da parte del Viaggiatore (comma 12, art. 182 della legge 17 luglio 2020, n. 77).

Scam Viaggi ha proceduto pertanto all’emissione di voucher per tutte le pratiche annullate in conformità alle misure di restrizione disposte dalle Autorità Governative a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID 19 rientranti nelle casistiche previste con partenza fino al 30 settembre 2020 incluso,

Tutti i voucher emessi da Scam Viaggi hanno le seguenti caratteristiche:

  • Hanno quale beneficiari i viaggiatori indicati nella prenotazione originaria.
  • Sono nominativi e non cedibili, salvo eventuali deroghe concordate ed autorizzate da Scam Viaggi.
  • Valgono per prenotazioni entro 24 mesi dalla data di emissione. La durata della validità dei voucher pari a 24 mesi si applica anche ai voucher già emessi alla data di entrata in vigore della legge 17 luglio 2020, n. 77. In ogni caso, decorsi ventiquattro  dall’emissione, per i voucher non usufruiti né impiegati per la riprogrammazione del viaggio dei servizi è corrisposto il rimborso dell’importo versato.
  • Sono frazionabili: qualora la nuova prenotazione dovesse essere di importo inferiore al valore del voucher, Scam Viaggi aggiornerà il valore del voucher detraendo l’importo utilizzato, così che il restante importo potrà essere utilizzato per ulteriori prenotazioni da effettuarsi entro 18 mesi dalla data di emissione del voucher originale.
  • Sono convertibili in denaro a scadenza, nel caso di mancato utilizzo nel periodo di validità.
  • Ai fini della garanzia al viaggiatore contro il rischio di insolvenza o fallimento dell’organizzatore e/o del venditore, varranno le norme di legge di cui all’art. 47 comma 2, Codice del Turismo, pertanto i soggetti giuridici (Assicurazioni, Società Consortili, Fondi) rispettivamente garanti dell’organizzatore e del venditore per il caso di insolvenza o fallimento, risponderanno nei confronti del viaggiatore ciascuno nei limiti delle somme imputabili al soggetto da essi garantito

Intermediazione di singoli servizi o di pacchetti turistici

Ai sensi dell’art. 182 della Legge Numero 77 del 17/07/2020, di conversione del D.L. 34/2020 Scam Viaggi in qualità di intermediario ha trasmesso ai viaggiatori i voucher emessi dagli organizzatori/fornitori  di valore pari alle somme ricevute dal viaggiatore/contraente del contratto di Viaggio in esecuzione del mandato che il Viaggiatore le ha conferito per recessi esercitati entro il 31 luglio 2020 (comma 11, art. 182 della legge 17 luglio 2020, n. 77). Il vettore, la struttura ricettiva e l’organizzatore procedono al rimborso del corrispettivo versato in favore del soggetto dal quale hanno ricevuto il pagamento oppure all’emissione in suo favore di un voucher di pari importo da utilizzare entro 24 mesi dall’emissione. Limitatamente ai voucher emessi in relazione ai contratti di trasporto aereo, ferroviario, marittimo, nelle acque interne o terrestre, il rimborso può essere richiesto decorsi dodici mesi dall’emissione.

La durata della validità dei voucher pari a ventiquattro mesi prevista dagli altri contratti si applica anche ai voucher già emessi alla data di entrata in vigore della disposizione sopra richiamata. In ogni caso, decorsi ventiquattro mesi dall’emissione, per i voucher emessi dagli organizzatori non usufruiti né impiegati nella prenotazione dei servizi, è corrisposto il rimborso dell’importo versato

CORRIDOI TURISTICI FINO AL 31 GENNAIO 2022

Quali sono le destinazioni dei corridoi turistici covid-free e da quando sono autorizzati?

Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana, Egitto (limitatamente alle zone turistiche di Sharm El Sheikh e Marsa Alam ). Sono autorizzati dal 30 settembre 2021  e fino al 31 gennaio 2022.

Nuove aperture o Destinazioni già aperte:

Canada, Stati Uniti dal 08 Novembre 2021, Giordania, Israele, Emirati Arabi, Qatar, Stati Europei (quasi tutti!), Cile e altre ancora.

Perchè viaggiare si può e in totale sicurezza!

Quali requisiti deve avere il viaggiatore per avvalersi dei corridoi turistici covid free?

Vi è la certificazione che attesta il completamento del ciclo vaccinale o, in alternativa, certificazione di avvenuta guarigione.

A quanti tamponi il viaggiatore con certificato vaccinale o di guarigione deve sottoporsi per avvalersi dei corridoi turistici covid free ?

  • un test molecolare o antigenico nelle quarantotto (48)  precedenti la partenza dall’Italia;
  • se la permanenza all’estero supera i sette (7) giorni, un ulteriore test molecolare o antigenico in loco;
  • prima di rientrare in Italia, nelle quarantotto (48) ore precedente l’imbarco, un test molecolare o antigenico all’arrivo in aeroporto in Italia,  un ulteriore test molecolare o antigenico.

E’ prevista la quarantena al rientro in Italia del viaggiatore che si avvale dei corridoi turistici covid free trattandosi di paesi in lista E?

Il viaggiatore che si avvale del corridoio turistico covid free e che rispetta tutti i tamponi con risultato negativo  è esentato dalla sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario.

Ci sono delle coperture assicurative di cui deve essere obbligatoriamente dotato il viaggiatore che si avvale dei corridoi turistici covid free ?

L’assicurazione sanitaria  a copertura dei rischi a COVID-19 deve essere sempre prevista nell’ambito dei  “Corridoi turistici Covid-free” per la previsione dell’eventuale rimpatrio e l’assistenza sanitaria in loco.

Il viaggiatore che si avvale dei corridoi turistici covid free deve rispettare le disposizioni previste per l’ingresso dalle autorità locali dei Paesi di destinazione?

In base alla normativa italiana, gli spostamenti da/i Paesi dell’elenco dei corridoi turistici covid free  sono consentiti per turismo , ma è sempre possibile che questi Paesi prevedano restrizioni all’ingresso. Occorre consultare sempre la Scheda del Paese di interesse su ViaggiareSicuri, e verificare eventuali restrizioni all’ingresso da parte delle autorità locali

A chi si deve rivolgere il viaggiatore che si avvale dei corridoi turistici covid free per avere informazioni per l’ingresso nel paese di destinazione?

L’operatore turistico che organizza il viaggio fornisce al viaggiatore le informazioni di carattere generale concernenti le condizioni in materia di passaporti e visti, compresi i tempi approssimativi per l’ottenimento dei visti, le formalità sanitarie del paese di destinazione quali formulari di salute pubblica o di localizzazione del cliente, se richiesti, e il viaggiatore dovrà provvede, prima della partenza, a verificare presso le competenti autorità (per i cittadini italiani le locali Questure ovvero il Ministero degli Affari Esteri tramite il sito http://www.viaggiaresicuri.it ovvero la Centrale Operativa Telefonica al numero 06.491115) che i propri documenti siano in regola con le indicazioni fornite e ad adeguarsi in tempo utile prima dell’inizio del viaggio

Chi realizza i corridoi turistici covid free?

Gli operatori turistici ( agenzie di viaggio e organizzatori ) che organizzano e gestiscono viaggi nel rispetto dei protocolli contenuti nel documento “Indicazioni volte alla prevenzione e protezione dal rischio di contagio da COVID-19 nei corridoi turistici Covid-free”, allegato all’Ordinanza 28 settembre 2021.

Quando va compilato il Modulo per la Localizzazione in formato digitale, (dPLF)?

Chiunque faccia ingresso in Italia, per una qualsiasi durata e attraverso qualsiasi mezzo di trasporto, da Stati o territori esteri di cui agli elenchi B, C, D ed E prima del proprio ingresso nel territorio nazionale, è tenuto a compilare un Modulo per la Localizzazione in formato digitale, denominato anche  digital Passenger Locator Form  (dPLF) collegandosi al sito  https://app.euplf.eu/

Cosa sono i protocolli contenuti nel documento “Indicazioni volte alla prevenzione e protezione dal rischio di contagio da COVID-19 nei corridoi turistici Covid-free”, allegato all’Ordinanza 28 settembre 2021?

Si tratta di indicazioni volte alla prevenzione e protezione del rischio di contagio da covid 19 nei corridoi turistici covid free alle quali devono far riferimento gli operatori turistici e i soggetti che a vario titolo prendono parte ai viaggi turistici controllati.

Cosa prevede il protocollo delle strutture ricettive? 

L’operatore turistico seleziona le strutture ricettive  all’estero che si attengono all’osservanza delle misure di prevenzione del contagio da covid 19 indicate dalla normativa sanitaria locale e tiene conto dell’adozione e del rispetto degli elementi volti a ridurre il rischio di infezione .

Quali sono gli elementi indicati nel protocollo?

Gli elementi che prevede il protocollo sono il controllo della temperatura, osservanza della distanza interpersonale, utilizzo delle mascherine, dispenser con igienizzante mani, adeguata sanificazione, ristoranti con orari per evitare il sovraffollamento, procedure di isolamento e gestione casi di positività, staff vaccinato, medico disponibile 24 ore.

Cosa prevede il protocollo dei vettori aerei-aeroporti ?

L’operatore turistico seleziona i vettori aerei ( sia voli diretti sia con transito) e gli aeroporti di partenza e di arrivo, che si attengono all’osservanza delle misure di prevenzione del contagio da covid 19 e tiene conto dell’adozione e del rispetto degli elementi volti a ridurre il rischio di infezione .

Quali sono gli elementi indicati nel protocollo?

 

L’applicazione delle linee guida easa – enac- iata, check in on line incentivato, verifica del vettore della documentazione, utilizzo delle mascherine in aeroporto e a bordo, adeguata sanificazione, dispenser con igienizzante mani, Controllo della temperatura, ventilazione Hepa, imbarco e sbarco per file, I bambini di età inferiore ai 6 anni e persone affette da patologie certificate che non ne consentono l’utilizzo sono esonerati dall’obbligo della mascherina

Cosa prevede il protocollo delle escursioni?

L’operatore turistico seleziona i fornitori all’estero che si attengono all’osservanza delle misure di prevenzione del contagio da covid 19 indicate dalla normativa sanitaria locale e tiene conto dell’adozione e del rispetto degli elementi volti a ridurre il rischio di infezione .

Quali sono gli elementi indicati nel protocollo?

 

L’elaborazione del programma e adozione durante l’escursione di misure idonee a garantire la prevenzione del contagio, effettuazione del safety briefing, promozione da parte delle guide e accompagnatori di regole di distanziamento e divieto di assembramento, modifiche di itinerario se necessarie a salvaguardare l’incolumità dei viaggiatori

Cosa prevede il protocollo del transfer?

L’operatore turistico seleziona i fornitori all’estero che gestiscono i transfer che si attengono all’osservanza delle misure di prevenzione del contagio da Covid 19 indicate dalla normativa sanitaria locale e tiene conto dell’adozione e del rispetto degli elementi volti a ridurre il rischio di infezione .

Quali sono gli elementi indicati nel protocollo?

Adozione di misure idonee a garantire la prevenzione del contagio e obbligo di mascherina a bordo dei mezzi di trasporto e rispetto della distanza interpersonale

Cosa succede se il viaggio che si intende effettuare non rientra nella tipologia di corridoi turistici covid free?

Trattandosi di paesi in lista E, si applicano le regole del divieto di spostamento per motivi turistici, obbligo di sorveglianza e isolamento al rientro in Italia.

© SCAM VIAGGI srl | P.IVA 00691120968 | Privacy Policy | Cookie Policy